Salta al contenuto
Aziende e carriereEsterne

OPEL CELEBRA I “60 ANNI DI OPEL DESIGN STUDIO”

Rüsselsheim.  Il 2024 è un anniversario straordinario per Opel: il marchio tedesco produce automobili da 125 anni. Dal 1899, la casa automobilistica ha reso la mobilità accessibile a milioni di persone e allo stesso tempo ha continuamente entusiasmato il pubblico con modelli innovativi. Oggi, l’emblema Blitz rappresenta l’elettrificazione e il lato emotivo ed elettrizzante del marchio. Il design è il principale responsabile del modo in cui un’auto può deliziare al primo sguardo. E qui Opel ha gettato le basi pionieristiche esattamente 60 anni fa: nel 1964 è stato aperto l’Opel Design Studio di Rüsselsheim, il primo centro di design automobilistico del suo genere in Europa. Da allora, non è stata solo responsabile della filosofia di design in continua evoluzione dei modelli di produzione Opel. I designer hanno anche creato concept car rivoluzionarie che offrono uno sguardo al futuro del marchio: dalla leggendaria Opel Experimental GT del 1965 al più recente studio del marchio, la Opel Experimental, che ha avuto la sua sensazionale anteprima mondiale lo scorso anno. E così, sabato 8 giugno 2024, Opel ha festeggiato due anniversari con clienti, dipendenti e altri ospiti di alto livello: 125 anni di produzione automobilistica in Opel e 60 anni di Opel Design Center.

“I nostri modelli di produzione deliziano i nostri clienti con il loro design audace e puro. Dalla Opel Experimental GT, Opel ha svelato concept iconici che hanno mostrato il nostro futuro automobilistico, con l’Opel Design Center come casa di questa creatività. Da sessant’anni i nostri designer danno vita ai sogni automobilistici e li rendono reali per un vasto pubblico”, ha dichiarato Mark Adams, Vice President Design di Opel/Vauxhall.

Visionary Design Center: tre dipartimenti di design sotto lo stesso tetto
Il 1964 fu l’anno dei Giochi Olimpici: gli XI Giochi Invernali furono aperti a Innsbruck e, solo pochi mesi dopo, la fiamma olimpica ardeva ai XVIII Giochi Estivi di Tokyo. E anche Rüsselsheim ha esteso l’invito a una celebrazione speciale. Per la prima volta, gli ospiti hanno potuto visitare il nuovo Opel Design Studio nell’edificio N10. Per molti di loro è stata anche l’ultima volta, perché dopo l’inaugurazione, le strutture dall’aspetto futuristico sono state nuovamente chiuse al pubblico. A partire dal giugno 1964, le forme, i colori e le funzioni delle vetture del marchio sono state sviluppate e decise qui. “È più facile entrare a Fort Knox che nella N10”, ha detto un insider all’epoca.

L’inaugurazione ufficiale dell’edificio ha segnato una pietra miliare nella storia automobilistica europea. Era il più grande studio di design di proprietà di una casa automobilistica in Europa. Fino ad allora, la maggior parte delle case automobilistiche europee spesso commissionava a specialisti esterni lo sviluppo di nuove concept car. L’Italia settentrionale, in particolare l’area intorno al capoluogo piemontese, Torino, era considerata la mecca del design automobilistico. Pietro Frua, Giuseppe “Nuccio” Bertone e Pininfarina avevano tutti avviato le loro carrozzerie tra le Alpi e gli Appennini. A loro si deve la progettazione di molti dei nuovi modelli e concept delle case automobilistiche.

A Rüsselsheim, tre nuovi reparti sono stati ospitati nell’edificio noto come N10. Il reparto Interior Design ha determinato le forme e i materiali all’interno della vettura e ha progettato sedili, cruscotti e rivestimenti. Il secondo reparto si occupava della carrozzeria. Ha lavorato sul volto, sulla silhouette e sulle proporzioni dell’auto, conferendo a ogni modello il proprio carattere. Mentre il raggruppamento e l’enfasi sul lavoro di design erano una novità nell’industria automobilistica europea, il terzo reparto di N10 era semplicemente incaricato di un lavoro pionieristico. Per la prima volta in Europa, Opel aveva creato un team di designer di alto livello che si stavano estendendo oltre i confini dell’attività quotidiana e dell’ulteriore sviluppo di serie di modelli familiari per focalizzare i loro occhi molto più lontano verso il futuro. Mentre altri sviluppavano al massimo la forma di un nuovo corpo, a Rüsselsheim il pensiero veniva tradotto, linguaggio ed emozioni. Advanced Design ha dedicato il suo lavoro principalmente a concetti completamente nuovi per le automobili, mettendo al centro le idee per la mobilità e i clienti del futuro.

La prima concept car di un costruttore europeo: la Opel Experimental GT
Per essere all’avanguardia nello sviluppo futuro, Opel ha costruito il proprio Advanced Studio come parte integrante della sua attività. Nel 1965, appena un anno dopo l’inizio dei lavori alla N10, il primo progetto di questo dipartimento di pensatori e visionari intorno a Erhard Schnell fu esposto al Salone dell’Auto di Francoforte (IAA): la Opel Experimental GT, la prima concept car completamente nuova sviluppata da un costruttore europeo. Per la prima volta una rinomata casa automobilistica in Europa aveva sviluppato un veicolo il cui unico scopo era quello di dimostrare le possibilità di nuove forme creative. In nessuna fase del suo sviluppo è stato pianificato come veicolo di serie.

Ma le cose sono andate diversamente: il feedback dei media e del pubblico per lo studio ad alte prestazioni con la caratteristica “forma a bottiglia di Coca-Cola” è stato travolgente. Non ci si sarebbe mai aspettati un’auto sportiva così stravagante da Opel. E così, è stata presa rapidamente la decisione di portare la Opel GT nella produzione di serie. Appena tre anni dopo la scintilla iniziale all’IAA, il prototipo GT è maturato in un’auto di serie in tempi record.

L’approccio visionario dell’Opel Design Studio era unico in Europa negli anni ’60. Si trasformò rapidamente in una scuola europea di design automobilistico che esercitava un’attrazione magica per i migliori del settore. L’elenco del personale dello studio del passato si legge come un Who’s Who del mondo del design automobilistico: Anatole Lapine, Erhard Schnell, George Gallion, Charles M. ‘Chuck’ Jordan, Herbert Killmer, Chris Bangle, Murat Nasr e Hideo Kodama. E più di qualcuno si è fatto strada verso altri produttori durante la loro carriera, dopo che anche altri marchi avevano fondato i propri studi di design anni dopo. Molte idee, forme e dichiarazioni di design nelle automobili hanno avuto origine a Rüsselsheim e risalgono agli anni ’60.

Tradizionalmente innovativa: concept entusiasmanti, tra cui la recente Opel Experimental
L’elenco delle icone del design create dall’Opel Advanced Design Studio in questi 60 anni non può essere superato per la sua varietà. La Opel Experimental GT fu rapidamente seguita dalla Opel CD, una coupé aerodinamica con motore V8 nel 1969, dalla GT2 con porte scorrevoli nel 1975 e dalla Opel Tech1 estremamente ottimizzata dal punto di vista aerodinamico, il cui coefficiente di resistenza aerodinamica di 0,235 era un riferimento assoluto nei primi anni ’80.

La Opel Monza Concept, presentata nel 2013, ha già fornito un primo assaggio del linguaggio stilistico audace e puro dell’attuale design Opel, di cui è stato responsabile il team guidato dal Vice President Design Mark Adams. Nel 2018, la Opel GT X Experimental è stata il primo studio a mostrare il futuro Opel Vizor, che poco dopo ha celebrato il suo debutto in un modello di serie come Opel Mokka. Ancora oggi, il Vizor è l’elemento centrale del design del frontale dell’intera gamma Opel. Inoltre, è stato visto per la prima volta anche il Pure Panel, che offre ampi schermi digitali e riduce all’essenziale tutti gli altri elementi di comando, e oggi può essere sperimentato anche in ogni nuova Opel di serie.

Advanced Design ha realizzato il suo “successo” più recente con la straordinaria Opel Experimental. Lo studio presentato lo scorso anno lascia intravedere il futuro del brand. Con proporzioni impressionanti, soluzioni aerodinamiche intelligenti, un uso altamente efficiente dello spazio, nonché la più recente tecnologia di illuminazione e materiali elettrocromici, la Opel Experimental elettrica a batteria rappresenta il futuro automobilistico di Opel a risparmio di risorse. Allo stesso tempo, 60 anni dopo l’apertura del primo centro di design di un costruttore in Europa, i designer di Opel stanno già lavorando al design automobilistico per i prossimi decenni: idee e concept entusiasmanti garantiti!