Salta al contenuto
EsterneTecnologie e app

ItaliaNFT diventa VVITA per essere il riferimento del Web3

ItaliaNFT annuncia l’espansione del business verso il mondo dei metaversi e dei servizi di consulenza blockchain per le aziende con un rebranding: nasce VVITA.

Un nuovo brand, nuovi scenari e un’evoluzione continua per raggiungere la visione dei due founder di creare un ecosistema Web3 compiuto e d’eccellenza. ItaliaNFT, startup tutta italiana che nel 2021 ha lanciato il primo marketplace italiano di digital collectible, si evolve per consolidare la sua offerta in ambito Web3. Da qui il cambio di nome per diventare VVITA, un nuovo modo di esprimere la visione del futuro e del mercato da parte della società. Una nuova VVITA anche per i nuovi consumatori digitali. VVITA vuole essere il punto di riferimento per B2B e B2C per il mercato italiano e per le realtà internazionali che intendano sfruttare i vantaggi delle tecnologie legate alla blockchain con una cura dei dettagli e una produzione di soluzioni custom tipica della sartorialità artigianale italiana.

VVITA, con due iniziali gemelle a indicare la vita reale e quella digitale parallela, racchiude in sé tre anime che rispondono a specifiche esigenze:

  • VVITA-collections: per la creazione e la vendita di collezioni digitali certificate 100% Blockchain all’interno di un marketplace proprietario basato sulla selezione delle eccellenze;
  • VVITA-verse: per lo sviluppo di metaversi custom ad alto livello di realismo interoperabili all’interno di un più ampio ecosistema blockchain che verrà lanciato nei prossimi mesi;
  • VVITA-solutions: per la fornitura di tecnologie e consulenze alle aziende che cercano un’esperienza consolidata nel settore della blockchain per avviare progetti Web3.

Le tre aree di business del nuovo brand sono tutte rappresentate in un unico payoff, Beyond Possible, a sottolineare la volontà di superare i confini del mondo fisico per offrire esperienze sempre più coinvolgenti e immersive all’interno di quelli virtuali.

Non solo collezioni digitali, quindi, ma anche metaversi, ambienti 3D iper-realistici, virtual influencer, smart contract, certificazioni tramite blockchain, servizi e piattaforme white label, consulenza e formazione. Il tutto senza mai perdere l’attenzione per l’estetica che ha da sempre contraddistinto il brand, sin dagli albori.

Bello e tecnologia dunque si fondono, con un unico obiettivo, che con VVITA diventa ancora più chiaro di prima: rendere la tecnologia del Web3 comprensibile, fruibile e vantaggiosa per tutti, dagli utenti fino ai brand e alle istituzioni, consentendo di arricchire la propria identità digitale di fronte ai consumatori dell’oggi e del domani.

VVITA, che sarà partner ufficiale Web3 del prossimo Giro d’Italia, sta già operando attivamente con imprese e associazioni di categoria sullo sviluppo di modelli efficienti per la certificazione blockchain in tutti quei settori – dal lusso all’agroalimentare – ad alto rischio di contraffazione. 

Achille Minerva e Marco Capria, fondatori della società, commentano: “Questo rebranding rappresenta un’evoluzione della nostra azienda che ora va ad abbracciare un intero ecosistema di nuove tecnologie, proponendosi inoltre al mercato internazionale e non solo italiano. Attraverso VVITA offriremo ai nostri clienti un nuovo modo di esprimere la visione del futuro e intercettare le rinnovate necessità degli utenti.” E continuano: “Siamo all’avanguardia nelle tecnologie più avanzate, ma non faremo mai innovazione fine a sé stessa. Lavoreremo sempre sul Web3 come mezzo per creare applicazioni davvero utili e moltiplicare il valore di mercato dei marchi italiani ed esteri.”