ACCORDO CHATGPT DI APPLE: COSA COMPORTA PER LA SICUREZZA DELL'IPHONE? - MEDIAKEY
Salta al contenuto
Aziende e carriereEsterneTecnologie e app

ACCORDO CHATGPT DI APPLE: COSA COMPORTA PER LA SICUREZZA DELL’IPHONE?

“Non credo che l’accordo avrà un impatto sulla sicurezza dell’iPhone. Da quello che sembra, alcune delle richieste di Siri saranno inviate a OpenAI e i risultati saranno forniti agli utenti. C’è il rischio però di fughe involontarie di dati verso OpenAI perché potrebbe non essere chiaro agli utenti se le loro richieste vengono elaborate da Apple o meno. Ma è troppo presto per dirlo, perché il prodotto non è ancora stato rilasciato e non è chiaro quali saranno le protezioni della privacy e quanto saranno efficaci”, dichiara Kevin Reed, CISO (Chief Information Security Officer) di Acronis, leader globale nella cyber protection.

L’aspetto più preoccupante è il cloud computing privato di Apple
Come spiega il documento di Apple sul cloud computing privato (PCC), l’azienda si è impegnata a fondo per garantire la privacy dei dati nell’ambito di un determinato modello di minaccia. Purtroppo, Apple non dichiara esplicitamente quale sia il suo modello di minaccia, ma si limita a citarne alcuni parametri (ad esempio, l’accesso fisico ai server in esecuzione è una minaccia affrontata). Ciò impedisce ai ricercatori di valutare se Apple affronta o meno determinate minacce come parte del modello.

Ad esempio, Apple afferma che gli iPhone criptano la richiesta LLM e i parametri di inferenza utilizzando la chiave pubblica di un nodo di elaborazione specifico e che non vi è alcun bilanciatore di carico intermedio che decifri la richiesta prima di passarla al nodo medesimo. Tuttavia, non è chiaro se un cliente possa eseguire un’attestazione remota dell’integrità del nodo e se tale attestazione possa essere verificabile.

Per risolvere il problema dell’accessibilità dei dati, Apple utilizza un approccio di scoperta dei servizi “N su M” per i nodi PPC, con una distribuzione casuale verificabile delle scelte offerte. Inoltre, nasconde l’IP dell’utente ai nodi PCC utilizzando una forma di server proxy che preserva la privacy. Si tratta di un approccio eccellente; tuttavia la conclusione che l’aggressore non sarebbe in grado di abbinare l’utente alla richiesta non sembra tenere conto dell’esistenza di un osservatore di rete in grado di monitorare il traffico prima e dopo il server proxy. Anche in questo caso, indicando chiaramente quali minacce fanno parte del relativo modello, Apple potrebbe rendere più trasparente e più facile per i ricercatori indipendenti comprendere i rischi connessi.

Apple cerca di affrontare il rischio di spedire una versione modificata del software PCC, che violerebbe la privacy dell’utente, consentendo che sia verificabile pubblicamente la creazione del software. Si tratta sicuramente di una mossa sorprendente, ma a questo punto non sono chiari i dettagli su come verrà implementata e se le garanzie fornite saranno sufficienti. Potrebbe essere problematico anche dal punto di vista della sicurezza e, dato che i nodi PCC sono essenzialmente macchine per l’esecuzione di codice da remoto, ciò potrebbe aprire nuove vie di sfruttamento. Inoltre, considerata l’architettura a tutela della privacy che Apple sostiene di aver costruito, sarà difficile per loro bloccare i tentativi di attacco.

Nel complesso, Apple si è sicuramente impegnata molto e le sue protezioni sembrano essere all’avanguardia, Tuttavia queste protezioni saranno anche un obiettivo primario per molti cybercriminali.